Business model nell’impresa digitale

Business model nell’impresa digitale

Le dinamiche del mercato sono cambiate radicalmente negli ultimi anni. Il concetto di reti connesse, ha avuto un impatto crescente su tutte le industrie e i settori di mercato. Nello specifico, negli ultimi anni, i modelli di business sono frutto di “dinamismo puro”, in quanto una piattaforma che funziona, è una piattaforma che muta. La scalabilità dell’impresa non è solo frutto di capacità personale di innovare, ma è in particolare la capacità della piattaforma a innovarsi e a mutare nel tempo.

Network e scalabilità 

Le piattaforme informatiche richiedono “network” e la necessità di costruire un “environment” dove l’intera forza lavoro è diretta alla creazione degli stessi.

La scalabilità di una piattaforma è soggettiva, lo sviluppo e la definizione della visione finale del business è riconducibile ad una singola entità, ossia una figura che voglia, prima di tutto, costruire un business di successo. La scalabilità di un’impresa è diversa dallo sviluppo della medesima, se per la visione finale c’è bisogno di una singola entità per lo sviluppo si predilige un assetto collaborativo, dove il futuro aziendale è strettamente legato alla collaborazione e al lavoro di squadra.

Perchè il digitale

Le “digital platform” stanno rapidamente diventando un potente motore di innovazione. Pensiamo alla quantità di startup che nascono ogni giorno e che soprattutto hanno voglia di innovare, quelle più fortunate vengono subito scelte dagli stessi “major brand” per innovare le loro piattaforme preesistenti.

Il digitale consente, attraverso di sviluppo di skill, di creare produttività ed un rigoglioso network.

Una piattaforma funziona solo se questa si impegna a costruire nuovi business e un network efficiente.  Non basta il design per far si che una piattaforma funzioni, ma deve garantire servizi che colleghino più ambiti e pacchetti che soddisfino il cliente e sopratutto il mercato.

Unicorn startups

Uber, TripAdvisor, AirBnb (aziende “unicorno”) riescono, attraverso il loro “business model”, ad offrire maggiore trasparenza, confronto e creazione di pacchetti “ad hoc” che rendono al fruitore del servizio più facili azioni che in precedenza risultavano molto più macchinose e complicate.

Un ulteriore aspetto positivo è che la piattaforme essendo in costante aggiornamento, provvedono a rivedere frequentemente il i costi e i prezzi dei servizi che propongono in modo da essere completamente trasparenti e ‘’user oriented”. La supply chain si è concentrata ormai sulla produttività e sulle attività “targettizzate”. 

Il digitale non è il futuro, è il presente

Se non stai progettando soluzioni digitali, concentrandoti sull’aumento della copertura dei servizi e sul network, non c’è da stupirsi che la tua attività stia iniziando una fase discendete. L’innovazione è una componente fondamentale per offrire dei servizi di qualità. Oggi siamo completamente invasi da feed digitali, la nostra conoscenza è sempre alimentata, anche in mondo inconsapevole, da nuove tecnologie. Per essere presenti sul mercato quindi, è inevitabile che la nostra piattaforma sia digitale.

La chiave di volta per una piattaforma di successo è la collaborazione e il lavoro di team, tutto questo ti da la possibilità di ridisegnare la tua attività, creando un network che colleghi i tuoi clienti in modo fedele al tuo business, progettando soluzioni che si adattino meglio al loro stile di vita.

Giorgio Chiriatti

Chiudi il menu